Controlla disponibilità

Musei, Cultura & Tradizioni

Benvenuti nell’antica Terra Ladina

Un mondo unico e genuino, nascosto in mezzo alle Dolomiti e protetto da esse per secoli dalle invasioni e dagli influssi esterni, un mondo sviluppato in una terra completamente autonoma, con la propria lingua, la propria cultura, la propria cucina, il proprio folclore ed artigianato – questa è l’antica Ladinia, il territorio costituito da Val di Fassa (Fascia), Val Badia, Val Gardena (in ladino Gherdëina), Valle d’Ampezzo (Anpezo) e Livinallongo (Fodom), che ancora al giorno d’oggi, nonostante l’arrivo delle tecnologie all’avanguardia e il boom turistico, rispetta rigorosamente le vecchie tradizioni.

Nonostante l’ottima conoscenza dell’italiano e del tedesco (che sono entrambe lingue ufficiali dell’Alto Adige), nella maggior parte delle famiglie locali viene sempre ancora parlato il ladino, una lingua retoromanza che risale al latino volgare mischiato con le lingue retiche e noriche dei popoli locali e parzialmente influenzato dal tedesco. In ogni vallata della Ladinia il ladino si presenta in forme diverse ed uniche: in Val di Fassa si chiama il “fascian“.

Scoprire di più sulla storia e sulla straordinaria cultura ladina visitando i musei della valle di Fassa

Il museo Ladino di Fassa situato a Pozza di Fassa ( 10 km dalla nostra casa)

Il museo 1914-1918 “La Gran Vera- La Grande Guerra. Galizia, Dolomiti” situato a Moena ( 15 km dalla nostra casa), presso il Teatro Cinema Navalge

Il museo della Marmolada ( 12 km dalla nostra casa), il più alto d’Italia a 2 950 m nella stazione della funivia Serauta, presso il Passo Fedaia dedicato soprattutto al primo conflitto mondiale.

Ma il modo più facile e nello stesso tempo più interessante di conoscere la cultura ladina è semplicemente guardare attorno scoprendo di qua e di là nei nomi delle case e negli affreschi sui muri le tracce della vita quotidiana di una volta amalgamata alle vecchie saghe e leggende. Uno spettacolo da non perdere per la completa immersione nella cultura ladina sono le numerose processioni e sfilate che accompagnano d’estate quasi ogni festa. Costumi tradizionali, atmosfera indescrivibile, e, in più, l’immancabile banda musicale del paese. Scopri qui i tradizionali immancabili appuntamenti culturali a Canazei più rinomati della bella stagione:

GRAN FESTA DA D’ISTA’

Musei e Castelli del Trentino

Nel paesaggio culturale del Trentino, i castelli, con le loro possenti architetture, rappresentano un tratto distintivo e qualificante del territorio. La posizione del territorio, tra le terre germaniche e la Pianura Padana, ha favorito la costruzione dei castelli nel corso dei secoli. Molti di essi si trovano in posizioni strategiche rispetto alle vallate ed ai percorsi che attraversano le Alpi, ideali per il controllo dei traffici e la difesa dei possedimenti. Alcuni dei castelli, come il Castello del Buon Consiglio di Trento, Castel Beseno sopra Calliano o Castel Thun in Val di Non, sono in mano pubblica ed ospitano musei ed esposizioni. Altri servono ancora oggi come abitazioni, alcuni dei quali sono comunque in parte visitabili. Di seguito, una scelta tra i più interessanti dei castelli del Trentino.

Muse- Museo delle Scienze di Trento

Corso del Lavoro e della Scienza, 3 – 38122 Trento

Il MUSE di Trento, un luogo che è nato per stupire, appassionare e meravigliare chiunque decida di entrarci. La visita del Muse è una vera e propria esplorazione che parte dall’alto per scendere i sei piani come fosse una montagna in un fantastico viaggio sensoriale dove potrete sentire l’aria fredda, passeggiare in un bosco, toccare il ghiaccio, osservare uno strano insetto o l’orma di un dinosauro e perchè no stampare anche un oggetto in 3D. Il Muse è una vera avventura per la mente che riesce a stimolare la vostra curiosità, il dialogo e quello che vi sembra più ovvio e che alla fine non è.

Mart- Museo di Arte Moderna e contemporanea di Trento e Rovereto

Corso Bettini, 43 – 38068 Rovereto

Il Mart Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto è uno dei più importanti musei europei. Nato nel 1987 come ente funzionale della Provincia autonoma di Trento, il Mart opera oggi in tre luoghi distinti: a Rovereto la sede principale del Museo (un ampio complesso architettonico inaugurato nel 2002 su progetto di Mario Botta e Giulio Andreolli), la Casa d’Arte Futurista Depero, e a Trento la Galleria Civica. Quest’ultima sede è entrata a far parte del Mart, inaugurando i propri spazi nel centro storico di Trento, a ottobre 2013. I numerosi capolavori presenti nelle Collezioni del Museo, i rari materiali conservati negli archivi e il lavoro costante sulla qualità delle proposte scientifiche ha permesso al Mart di consolidare collaborazioni con musei e istituti italiani e stranieri con i quali sono costanti i prestiti e gli scambi

Alloggio ideale per visitare i musei della Val di Fassa e del Trentino

 

Non lasciatevi sfuggire un assaggio dei tipici piatti ladini per viziare anche il palato con il colorito locale: gustosa zuppa d’orzo, saporite turtres, succulenti cajincì, sostanziosi secondi di selvaggina e tanto altro. Si potrebbe scrivere ancora tanto sulla stupefacente cultura ladina: sull’arte e sull’artigianato, sulle eccezionali tradizioni della lavorazione del legno e tessitura, ma per capire quanto è particolare dovete venire e vedere tutto con i vostri occhi.

RICHIEDI ORA

EVENTI ESTATE VAL DI FASSA 2018

Mappa Val di Fassa estate
Inverno

Inverno

Primavera

Primavera

Estate

Estate

Autunno

Autunno

Val di FassaDolomiti SuperskiDolomiti UnescoTrentinoSport Check Point Val di FassaIcarus Flying TeamQC TermeTripAdvisorMTB FriendlyTrekking Friendly

Termini & Condizioni generali | Privacy policy